Il parquet decapato: trattamento e realizzazione

Il parquet decapato: un pavimento elegante e confortevole per la tua casa

Il legno è da sempre uno dei materiali più amati ed utilizzati all’interno del settore delle costruzioni e dell’edilizia, sia per la sua eleganza sia per le sue caratteristiche d’isolamento termico e acustico; è inoltre ideale per la realizzazione di componenti ed elementi d’arredo, come copertura scale e pareti, e oggi viene largamente utilizzato anche per la composizione di spettacolari pavimenti moderni.

Se stai considerando di rinnovare i tuoi pavimenti di casa, il parquet è la soluzione ideale per garantire agli spazi della tua abitazione un carattere più eloquente ed aumentare la sensazione di comfort ed accoglienza.

In particolare, attraverso il parquet decapato, potrai ottenere un effetto che renda ancora più realistico il legno, tramite la creazione di venature più accentuate. Con il parquet decapato gli ambienti del tuo appartamento prenderanno vita, donando una maggiore sensazione di “casa”.

Cos’è il parquet decapato e come viene realizzato

Il parquet decapato si ottiene per mezzo dell’applicazione di calce sul legno, che in un momento successivo viene infornato più di una volta. Altro modo per ottenere un parquet decapato è tramite l’applicazione di particolari oli o vernici sulla struttura del legno, per poi operare tramite un successivo graffiamento superficiale.

Ognuno di questi procedimenti ha lo stesso obiettivo, ovvero quello di creare delle venature sul parquet, così da farlo diventare decapato. Per ottenere la decapatura si effettuano delle venature di colore bianco su un fondo di colore scuro.

Anche se il processo di decapatura può avvenire su qualsiasi essenza di legno, in particolare si effettua sul rovere o il larice utilizzando una di queste tecniche appena descritte.

Il primo procedimento è più complesso, perché prevede l’utilizzo di calce sul legno ed un successivo riscaldamento tramite forno. In questo modo le fibre del legno rimangono di colore più chiaro rispetto alle altre zone del materiale.

Se deciderai di acquistare un parquet decapato attraverso questa tecnica, otterrai il massimo in termini di resa ed eleganza visiva del pavimento, ma il prezzo sarà leggermente più elevato, poiché produrlo tramite questo procedimento è più complesso.

Attraverso l’uso di oli e vernici il processo è più semplice e si ottiene lo stesso effetto tramite spazzolatura o graffiatura, una volta che il legno è asciutto.

I trattamenti per ottenere il parquet decapato

Rifinire il parquet è ormai la moda degli ultimi anni, le richieste nel settore sono aumentate esponenzialmente, soprattutto per quanto riguarda il rovere decapato.

Il concetto di decapatura, quindi, si può riassumere nel processo mirato ad evidenziare le vene del legno, tramite olio, vernici o applicazione di calce.

Come legno ti consigliamo di prendere in considerazione quello più comunemente utilizzato per i parquet in legno, ovvero il rovere europeo, che ha il vantaggio di presentare un aspetto già ricco di motivi e disegni naturali molto decorativi che, come per il caso del larice, si sposano perfettamente per essere portati alla luce tramite la decapatura.

Effettuare la decapatura non è semplice: questa necessità di più passaggi, sia tramite macchinari che a mano.

Per questo motivo i prezzi dei parquet decapati sono più alti di quelli normali, ma tramite questa pavimentazione, otterrai in casa un effetto davvero eccezionale ed unico da un punto di vista estetico e di design, conferendo maggiore calore e raffinatezza agli ambienti. Del resto è proprio quello che si cerca nei moderni appartamenti, ovvero l’abbinamento tra elementi moderni ed elementi naturali realizzati con processi innovativi.

Per garantire una decapatura più evidente, nella fase di produzione, si realizzano delle fiammature che stacchino in netto contrasto con il colore di fondo del legno: per ottenere questo risultato, durante il processo lavorativo, le tavole di parquet vengono spazzolate per scavare i contorni delle fiammature del legno. Più il colore utilizzato entrerà in contrasto con quello del legno, più sarà evidente la decapatura.

Tramite il processo a macchina, il pannello di legno viene ricoperto da un film (uno strato di olio) su tutta la sua superficie; una volta che questa è asciutta – dopo 40 minuti circa dall’applicazione – i macchinari industriali procedono con l’asportazione del film d’olio in superficie, ovvero quello che non è riuscito a penetrare nelle venature del legno. In questa fase è essenziale eliminare solo lo strato più superficiale del pannello, così da non compromettere la decapatura: per essere sicuri, viene utilizzato solitamente un utensile montato su una spazzolatrice con uno o più alberi.

La spazzola in scotch brite, materiale leggermente abrasivo, ruota molto velocemente ma sfiora appena la superfici, così da ottenere l’effetto desiderato. La spazzola ruotando, non elimina solo l’eccesso d’olio o vernice dalla superficie, ma aiuta a legare meglio le particelle dell’olio con le venature del legno, aumentano le caratteristiche di resistenza al calpestio.

Il parquet decapato acquista anche un effetto setoso e piacevole al tatto, ideale per chi ama sentire a piedi scalzi l’effetto del legno, ma non solo, questa sua caratteristica lo rende molto più luminoso e acceso.

Acquistare un parquet decapato per la tua casa è l’ideale se vuoi un parquet in grado di comunicare qualcosa in più a livello di carattere: tramite le sue venature più accentuate ed il suo design ed aspetto estetico accattivante, gli spazi domestici acquisiranno più valore ed eleganza.