Parquet su riscaldamento a pavimento: è possibile?

parquet

Si possono abbinare parquet e riscaldamento a pavimento? Hai paura che il calore possa danneggiare il tuo parquet? Scopri perché non dovresti e su quali soluzioni orientarti.

Parquet e riscaldamento a pavimento: un binomio fattibile

Il riscaldamento a pavimento offre numerosi benefici se stai valutando di risparmiare sulla bolletta energetica, senza dover rinunciare a quella piacevole sensazione di benessere e calore omogeneo fra le mura della tua abitazione.

Questa diffusione di calore viene garantita proprio dalla disposizione di tubazioni a serpentina che vengono collocate in maniera uniforme in ogni stanza. In questo modo si ha la percezione di sentirsi abbracciati in tutto il corpo dal basso verso l’alto.

Se poi si ha la possibilità di optare per un pavimento in parquet, la presenza di un materiale pregiato come il legno renderà l’atmosfera della tua casa ancora più accogliente ed intima.
L’accoppiamento fra legno e riscaldamento a pavimento, in realtà, è stato bistrattato per tanti anni, quando il parquet veniva altamente sconsigliato per tutta una serie di motivi.

Oggi invece, con le giuste accortezze e affidandosi a personale specializzato ed esperto, si può procedere senza problemi alla installazione del parquet sul riscaldamento a pavimento. Cerchiamo quindi di capire come muoverci per ottenere ottimi risultati, iniziando dallo scoprire su quale tipologia di materiale orientarti.

Legno e tipologia di posa per il riscaldamento a pavimento

Iniziamo subito con il precisare che per il riscaldamento a pavimento non possono essere installate tutte le tipologie di legno. Essendo il legno un materiale vivo, e quindi soggetto a modifiche e sollecitazioni del tutto naturali e fisiologiche, è bene optare per alcune essenze e scartarne altre che al contrario potrebbero creare problemi.

Il faggio ad esempio, così come l’olivo, tende a creare facilmente fessure nella pavimentazione. Al contrario il rovere, l’iroko e il teak hanno una buona prestazione ed attenuano di molto le sollecitazioni esterne legate ai cambi di temperatura.

Sicuramente la tecnologia a due strati, rispetto al massello è la soluzione migliore. Questa tipologia di struttura assicura un maggiore stabilità, riducendo di molto le variazioni dimensionali.

Nello specifico, il parquet prefinito a due strati, consiste in supporti tra loro intrecciati che aiutano ad attenuare gli effetti esterni, assicurando una maggiore tenuta e quindi di durata, nel corso del tempo, attenuando le sollecitazioni.

Un altro fattore da considerare per l’installazione del parquet è la tipologia di posa.

La posa incollata, rende un corpo unico il massetto con il parquet, grazie a ciò la risalita del calore non ha dispersioni. Il collante utilizzato dovrà essere ecologico e di buona qualità, questo per evitare che non ci siano dispersioni di sostanze nocive nell’aria.

E’ possibile optare anche per la posa flottante, che ha una resistenza termica maggiore rispetto alla posa incollata.

Installazione del riscaldamento a pavimento con il parquet

La prima accensione del riscaldamento dovrà essere fatta prima dell’installazione del parquet. Il massetto difatti necessita di un periodo di stabilizzazione che può variare da otto giorni alle tre settimane, in base al materiale che viene utilizzato per la realizzazione del sottofondo. Inoltre deve essere ben asciutto e non umido.
Le tubature e l’intero impianto devono avere un margine di distanza dal pavimento di almeno 30 millimetri.

Il parquet, per una buona trasmissione termica, non dovrebbe superare i 15 millimetri di spessore. Questo agevola una migliore resa energetica e consente di raggiungere più velocemente la temperatura desiderata.

Da quanto avrai letto finora ti sarà risultato chiaro, quindi, che non ci sono problemi nel procedere con la posa del parquet su un impianto a pavimento, scegliendo materiali e le tecniche di posa adeguati.
In questo modo potrai beneficiare di un sistema di riscaldamento a basso impatto ambientale e ad alta resa. Con una temperatura costante e una diffusione di calore omogenea, la sensazione di comfort che la tua famiglia sperimenterà sarà unica.

Non ci saranno angoli freddi in casa, così come accade quando ci si affida ai vecchi caloriferi e potrai camminare a piedi nudi anche d’inverno, calpestando un materiale pregiato ed unico come il legno.

Qualunque sia la tua scelta, dovrai necessariamente seguire delle accortezze per procedere con la posa del parquet su un riscaldamento a pavimento. Per qualsiasi dubbio in ogni caso, il nostro staff saprà consigliarti al meglio in base alle tue esigenze.